HomeNewsAddio a 'Hey Siri'? Nuova novità svelata dalla WWDC potrebbe cambiare il...

Addio a ‘Hey Siri’? Nuova novità svelata dalla WWDC potrebbe cambiare il modo in cui interagiamo con l’assistente virtuale di Apple

In futuro, potrebbe non essere più necessario pronunciare "Hey Siri" per fare appello all’assistente vocale di Apple. Questa novità potrebbe rivoluzionare l’esperienza degli utenti, rendendo l’utilizzo dell’assistente ancora più facile e immediato. Tuttavia, al momento non sono ancora state fornite informazioni dettagliate su come funzionerà questo nuovo sistema. Restiamo in attesa di ulteriori

Secondo quanto riportato da Mark Gurman di Bloomberg, la prossima edizione della WWDC, programmata per il 2023, potrebbe portare una grande novità per Siri. Infatti, sembra che l’assistente virtuale non richiederà più la consueta frase di attivazione "Hey Siri" per poter essere utilizzato. Si tratta di un’importante innovazione che potrebbe rendere l’utilizzo di Siri ancora più semplice e immediato per gli utenti Apple

In un recente tweet, Gurman ha confermato che la prossima settimana potrebbe esserci un importante annuncio riguardante la modifica della frase di attivazione di Siri. In precedenza, a novembre, Gurman aveva riportato che Apple stava lavorando per migliorare la capacità di comprensione e risposta di Siri, rendendo superflua l’utilizzo della frase "Hey Siri" come attivazione. Secondo le informazioni trapelate, gli utenti potrebbero semplicemente dire "Siri" per richiamare l’assistente virtuale.

Apple sta attualmente lavorando per semplificare la frase di attivazione di Siri, eliminando la necessità di pronunciare "Hey" e lasciando solamente la parola "Siri" da associare ai comandi. Questa modifica, apparentemente minima, rappresenta una sfida tecnica significativa, richiedendo un notevole sforzo di addestramento dell’IA e di lavoro di ingegneria sotto il cofano.

La complessità di questo cambiamento consiste nel fatto che Siri deve essere in grado di comprendere la parola "Siri" in diverse varianti di accento e dialetto. Attualmente, l’utilizzo di due parole, "Hey Siri", aumenta la probabilità di successo del sistema nell’interpretare correttamente il comando dell’utente.

La sfida che Siri deve affrontare è quella di riuscire a comprendere la parola "Siri" in diverse varianti di accento e dialetto. Tuttavia, l’utilizzo di due parole, ovvero "Hey Siri", aumenta le possibilità che il sistema comprenda correttamente il comando impartito. Questa è la complessità che il sistema deve superare per garantire un’esperienza utente ottimale.

Secondo quanto riportato dal noto giornalista esperto di tecnologia Mark Gurman, Apple sta lavorando ad una modifica di Siri che permetterà di attivarlo semplicemente con il comando vocale "Hey Siri", avvicinandosi così alla funzionalità dell’assistente vocale di Amazon chiamato "Alexa". Inoltre, l’azienda di Cupertino sta lavorando per integrare ulteriormente Siri con app di terze parti e servizi, al fine di fornire un’assistenza sempre più completa e personalizzata.

In precedenza, Gurman aveva annunciato che le modifiche a Siri sarebbero state apportate solo nel 2023 o nel 2024. Tuttavia, il suo ultimo tweet lascia intendere che potrebbe esserci una possibilità concreta di vedere queste novità già durante la prossima settimana, in occasione della WWDC. Grazie a questa importante conferenza, infatti, potremmo assistere a significativi miglioramenti per l’assistente

Il nuovo iPhone 14 Pro è ora disponibile a prezzi

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments