HomeNewsScopri la rivoluzione nello smaltimento delle batterie: ecco le nuove istruzioni

Scopri la rivoluzione nello smaltimento delle batterie: ecco le nuove istruzioni

Il progresso tecnologico presenta uno dei maggiori ostacoli nella gestione e nel trattamento dei rifiuti elettronici: nel 2021, ogni cittadino dell’UE produce in media 11 kg di rifiuti elettronici, principalmente costituiti da grandi elettrodomestici abbandonati in discarica, ma anche da elettronica di consumo, dispositivi informatici e altro. In Italia, solo il 32.1% di questi rifiuti viene attualmente riciclato. L’Europa ha quindi adottato una nuova normativa per affrontare questa problematica.

Le batterie, in particolare, rappresentano uno degli elementi dell’elettronica di consumo più inquinanti, a partire dall’estrazione del Litio, elemento fondamentale per il loro funzionamento, che può provocare gravi danni all’ambiente. L’Unione Europea ha quindi introdotto un nuovo quadro normativo per regolamentare in modo più efficace e completo la produzione e lo smaltimento di batterie e accumulatori, sempre più rilevanti nel mercato dell’elettronica di consumo.

Il Regolamento UE 2023/1542, in vigore dal 18 Febbraio 2023, fornisce indicazioni dettagliate che riguardano l’intero ciclo di vita delle batterie in commercio, applicabili a tutte le tipologie di batterie, comprese quelle di avviamento dei mezzi di trasporto, ad uso industriale, per l’illuminazione e le batterie dei dispositivi elettronici di consumo.

Le nuove normative impongono parametri rigorosi per la raccolta e il recupero delle materie prime delle batterie esauste, con l’obiettivo ambizioso di riciclare il 45% di tutte le batterie esauste entro il 2024 e superare il 70% entro il 2030. Parte delle nuove tecniche prevede l’introduzione di un passaporto per le batterie più potenti, destinato ai veicoli elettrici, ai mezzi di trasporto e ai pacchi industriali, per consentire il tracciamento della batteria durante tutto il ciclo vitale.

Nonostante la dichiarazione del regolamento nel 2023, diventerà effettivo solo il 18 Agosto 2025, dopo un periodo di transizione di 18 mesi per l’adeguamento ai nuovi standard. Stati e produttori di batterie dovranno quindi conformarsi alle nuove procedure di valutazione per rispettare le nuove direttive.

D'Orazi Dario
D'Orazi Dariohttps://it-it.facebook.com/darioita
Editore e Giornalista mi occupo di tutto quello che fa parte della tecnologia, automobili e curiosità. Laureato sono sempre stato appassionato alla scrittura e amo il mondo del giornalismo.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments