HomeOperatori TelefoniciLe ambizioni nascoste della Commissione Ue nel consolidamento del settore Tlc

Le ambizioni nascoste della Commissione Ue nel consolidamento del settore Tlc

Secondo la Commissione europea, l’annunciata joint venture tra Orange e MasMovil in Spagna potrebbe ridurre la concorrenza nella fornitura al dettaglio di servizi Internet mobili e fissi e di pacchetti multiple-play. Da un lato, c’è l’urgenza di ridurre il numero di operatori, ma dall’altro l’Europa ostacola le fusioni per tutelare la concorrenza.

Un dejà vu pericoloso, le telco alla resa dei conti. Basta ricordare le gravi conseguenze frutto della modalità con cui a suo tempo fu gestita la fusione fra Wind e Tre in Italia. L’allora esecutivo Ue vincolò il merger alla presenza di un quarto operatore (che poi sortì lo sbarco di Iliad sul mercato): decisione che non ha provocato altro che l’inasprimento della guerra dei prezzi a vantaggio sì dei consumatori sul fronte tariffario ma a danno di tutto il comparto delle Tlc in Italia che si trova ora ad affrontare la crisi più grave di sempre.

Rischio di un “significativo” aumento dei prezzi? La storia dunque tende a ripetersi e ci si chiede cosa non sia chiaro alla Commissione europea. Nel documento in cui sono stati messi nero su bianco i “rilievi” alla joint venture spagnola, la Commissione sostiene che l’operazione proposta possa ridurre il numero di operatori di rete in Spagna, eliminando così un vincolo concorrenziale significativo e un rivale innovativo nei mercati al dettaglio spagnoli dei servizi di telecomunicazione mobile, dei servizi di Internet fisso e dei pacchetti multipli. La Commissione teme che ciò possa comportare un significativo aumento dei prezzi per i clienti al dettaglio interessati in tutto il mercato spagnolo. Gli effetti anticoncorrenziali previsti sono sostanziali anche dopo aver preso in considerazione i potenziali risparmi sui costi, in un contesto in cui la concorrenza è stata una forza trainante per gli investimenti e la qualità dei servizi nel mercato spagnolo.

Un significativo aumento dei prezzi? Ma la Commissione europea è consapevole del fatto che le tariffe di Tlc in Europa sono ai minimi livelli? Ha un’idea di quanto si paghi negli Stati Uniti per una connessione a Internet fissa e mobile?

E poi si lanciano gli allarmi. Mentre si ostacolano le fusioni, dall’altro lato si lanciano gli allarmi: ammonterebbe a oltre 200 miliardi il gap di investimenti delle telco da qui al 2030 causa crisi. Vale a dire che sarà impossibile raggiungere gli obiettivi del Decennio digitale in termini di infrastrutturazione.

D'Orazi Dario
D'Orazi Dariohttps://it-it.facebook.com/darioita
Editore e Giornalista mi occupo di tutto quello che fa parte della tecnologia, automobili e curiosità. Laureato sono sempre stato appassionato alla scrittura e amo il mondo del giornalismo.
RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments